Totale pagine visitate nel sito: 226426 |

Storia della società

L’Associazione Sportiva Volley Rosà nasce il 16 Settembre 1994, ma a livello comunale la pallavolo ha quasi vent’anni di gavetta nei ranghi della Polisportiva Rosà, fondata nel 1976.
In questa prima fase l’attività, diretta da Giuseppe De Rossi, si svolge all’interno del Centro Sportivo Italiano, con campionati di livello provinciale ed un’attenzione verso l’aspetto ludico e ricreativo piuttosto che sportivo ed educativo. 
La fusione con la Pallavolo Travettore ad inizio anni '90, il conseguente aumento degli iscritti e la volontà di offrire un servizio più attento alle esigenze degli atleti porta, in un primo tempo, all’affiliazione con la Fipav Vicenza e – come ricordato in apertura –, in una seconda fase, alla creazione di una società interamente dedicata al gioco della pallavolo maschile.
La nascita dell’A.S. Volley Rosà permette una migliore organizzazione e dà una tale spinta allo sport territoriale che la ricorrente idea di un Palazzetto dello Sport si fa tanto concreta da portare, nell’autunno del 1998, all’inaugurazione del PalaRosa.
Il traghettatore del neonato gruppo – coadiuvato da Mario Baggetto, Antonio Baggio, Denis Bertoncello, Giuseppe De Rossi, Guerrino Gaborin, Federico Mazzoleni, Igor Munari e Antonio Simonetto – è Teresio Guidolin, presidente a cui si deve l’onore della prima esperienza a livello regionale, grazie alla conquista della Serie D da parte della squadra di punta nel campionato 1994-1995. 
Nello stesso anno, che vede la società gestire una quarantina di atleti tra allievi, ragazzi, juniores e prima squadra, la formazione juniores raggiunge il terzo gradino nel campionato provinciale, aprendo la strada all’attenzione per il vivaio.
Sulla scia dei successi maschili, nel corso delle due stagioni successive, confluiscono nel Volley Rosà anche il settore femminile della Polisportiva – impegnato in Seconda Divisione – e il Volley Sant’Anna.
Il 1996-1997 segna inoltre l’accesso – sfortunato vista l’immediata retrocessione – alla Serie C maschile per mezzo dell’acquisizione dei diritti dei veronesi del Quinzano. Nel frattempo la seconda squadra completa una doppia promozione, passando, in appena due stagioni, dalla Terza alla Prima Divisione.
L’ingresso nel nuovo teatro di gioco porta nuova linfa all’associazione, che, con la formazione maschile, riconquista la militanza nel massimo torneo regionale.
All’alba del nuovo millennio Guidolin lascia la guida a Federico Mazzoleni, capace in meno di un decennio di portare la società alle sue massime soddisfazioni sportive.
Tra i primi risultati conseguiti dal nuovo presidente c’è la doppia scalata del settore femminile dalla Seconda Divisione alla Serie D in appena tre campionati tra il 2000-2001 e il 2002-2003.
Ma l’impresa più clamorosa viene effettuata dai colleghi maschili a partire dalla stagione 2005-2006, momento della risalita in Serie C dopo una nuova caduta nella categoria inferiore nel corso degli ultimi anni.
Il giro di boa di assestamento nella riconquistata massima serie è il preludio al magico biennio 2007-2008, nel corso del quale la corazzata magistralmente orchestrata da Delio Rossetto ottiene il primo posto in campionato – valevole per l’accesso al palcoscenico della Serie B2 – e si aggiudica la Coppa Veneto e la Coppa Triveneto.
L’avventura sui campi della serie cadetta nazionale si protrae per due stagioni ed in entrambe la formazione giallonera conquista la salvezza con tranquillità, oltre ad un buon approdo ai quarti di finale della Coppa Italia nel corso del primo anno.
Il presidente delle più alte vette toccate dal Volley Rosà è Diego Carlesso, che succede a Mazzoleni nel 2008.
Nel frattempo la crescita del settore giovanile continua ed offre buoni frutti sia a livello qualitativo che quantitativo: per il primo aspetto nel 2009-2010 la società viene insignita dalla Fipav del Certificato di Qualità per il Settore Giovanile – predecessore del Bollino Blu, già conquistato nel 2006 –, mentre per il secondo aspetto nel 2007-2008 l'Under 16 femminile di Claudio Bellani raggiunge il quarto posto provinciale e nel 2010-2011 la controparte maschile di Ilario Dalla Rizza diventa vicecampione.
Quest’ultima stagione segna anche un nuovo punto di partenza per la prima squadra maschile che, per i noti problemi legati alla crisi economica, vende il titolo e si iscrive al torneo di Serie D per dare inizio ad un progetto di assimilazione dei giovani più promettenti del vivaio.
Con inaspettato anticipo sulla tabella di marcia la squadra raggiunge immediatamente la promozione nella categoria superiore.
Nella stagione 2011-2012 è inoltre iniziato il rapporto di collaborazione con la Pallavolo Rossano di Lino Battocchio ed il Volley Cassola di Mirco Bordignon.
Scopo dell’unione è di creare squadre a misura d’atleta e di superare il campanilismo in favore dello sport e dei suoi valori.
Alla fine dell'anno sportivo l'Under 14 femminile allenata da Loredana Cavalli 
vince il titolo provinciale ed agguanta il secondo posto regionale nel campionato organizzato dal Centro Sportivo Italiano.
Nel corso dell’estate prende infine il via la prima Croco Summer, il centro estivo organizzato dal Volley Rosà al PalaRosa e nella circostante area verde per un totale di dieci settimane a cominciare dalla seconda di Giugno. 
La stagione 2012-2013 vede la prima squadra maschile ripartire dalla Prima Divisione e concludere il campionato al sesto posto.
Nel settore giovanile si distinguono l'Under 17 maschile di Dario Lessio e l'Under 12 femminile di Annamaria Bittante, che conquistano entrambe il quarto posto provinciale.
La società viene inoltre insignita, nella figura di Francesca Scaldaferro, responsabile del minivolley, del titolo di Scuola Federale di Pallavolo.
L'estate del 2013 del Volley Rosà è ricca di avvenimenti, con l'assegnazione – per il quinto anno consecutivo – del Certificato di Qualità per il Settore Giovanile, il rinnovo della collaborazione con il Volley Cassola e la Pallavolo Rossano della neopresidentessa Sandra Alberton ed, inoltre, l'ingresso nel network della Scuola di Pallavolo Anderlini di Modena, una delle realtà pallavolistiche più importanti e all'avanguardia del paese.
La stagione fa registrare il quatro posto provinciale e la vittoria del campionato di Terza Divisione Under 16 da parte della squadra di selezione di Under 16 femminile allenata da Giovanni Passarini.
Il 2014 è l'anno del ventesimo anniversario della fondazione della società, che le vale il premio Rosà European Town of Sport 2011, riconoscimento assegnato dal comune di Rosà in ricordo del titolo ottenuto dall'Unione Europea nel 2011.

Nella stagione 2014-2015 la società pone le basi per il rilancio di una prima squadra femminile allestendo una formazione di Prima Divisione che, sotto la guida di Giovanni Passarini, raggiunge il terzo posto nel girone. Nel settore giovanile, invece, l'Under 13 femminile di Loris Binotto ottiene il quarto posto provinciale. In campo maschile l'Under 19 allenata da Devid Bellemo sale invece sul terzo gradino del podio provinciale.
Il 29 Aprile 2015, dopo sette anni di gestione, Diego Carlesso lascia il timone della società ad Alessia Benacchio, che diventa la prima presidentessa del Volley Rosà.
Nella stagione 2015-2016 entrambe le Prime Divisioni conquistano la promozione in Serie D. Per la squadra maschile, allenata da Luca Zanrosso, si tratta di un ritorno in regione dopo quattro anni, mentre per quella femminile, guidata da Fabrizio Sabbadin, dopo undici campionati. Le ragazze disputano anche il campionato di Under 18 con la maglia della Pallavolo Rossano, ottenendo il terzo posto provinciale e l'approdo alla prima fase regionale.
Il 1° Ottobre 2016 avviene un cambio al vertice della società, con Ferdinando Branciforti che diventa il nuovo presidente. Nel corso della stagione la Serie D maschile di Massimiliano Marchetto chiude al quarto posto il campionato, vincendo contro Piove di Sacco il Play-Off promozione per la Serie C. La controparte femminile, formata da un gruppo di giovanissime e guidata da Matteo Panozzo, conquista una salvezza che vale un salto di categoria, terminando il campionato all'ottavo posto. La società ottiene un'altra promozione con la Terza Divisione femminile di Franco Poggesi, che si aggiudica il doppio spareggio contro Gazzo e sale in Seconda Divisione, disputando in seguito il campionato di Prima Divisione per favorire la crescita delle atlete più giovani in vista di un inserimento nell'organico della prima squadra.
Il campionato di Seconda Divisione viene conquistato nuovamente nella stagione 2017-2018 grazie al secondo posto ottenuto in Terza Divisione Under 20 dal gruppo di Under 18 diretto da Clara Fabris. Nello stesso anno sportivo la prima squadra maschile, ripartita dalla Prima Divisione sotto la guida di Arcadi Lorenzin, ritorna subito campionato regionale di Serie D vincendo il campionato. Proprio nella cadetteria veneta la squadra femminile di Matteo Panozzo raggiunge la seconda salvezza consecutiva.
L'estate del 2018 decreta l'ingresso della società nell'Anthea Volley Vicenza Academy.
Nella stagione 2018-2019 la Serie D femminile si laurea campione d'inverno e sfiora la promozione nel massimo campionato regionale, perdendo la finalissima dei playoff contro il Creazzo. La controparte maschile, invece, dopo un girone d'andata condotto in tranquillità, inizia a perdere terreno in quello di ritorno fino a doversi giocare la salvezza nel playout, perdendo contro l'AVolley e retrocedendo in Prima Divisione.

Instagram

@volley_rosa

Facebook

Segreteria aperta Martedì dalle 18.30 alle 20.30
A.S.D. Volley Rosà - Via San Bonaventura, 4 - 36027 - ROSÀ (VI) - Tel 0424.581.875 - Email info@volleyrosa.it
Codice FIPAV 060290201 - Anno Fondazione 1994 - C.F. / P. IVA 02432370241
IBAN IT13Y0585660690170570174692 Banca Popolare Volksbank
Sito ottimizzato per Google Chrome

Sito generato con sistema PowerSport